Il-Clan-Dei-Ristoratori-Banner
403030_OK

Stare in forma al ristorante? 40-30-30 Healthy Kitchen rispetta salute e ambiente

Dopo il successo come ghost kitchen con il delivery, si evolve in ristorante un nuovo format che punta su benessere e sostenibilità. Aperto a Milano dall’imprenditrice bergamasca Mariella Radici, offre cibo salutare nel rispetto dell’ambiente. 40 30 30 nasce come Società Benefit e, nel proprio oggetto sociale, integra obbiettivi benefici oltre a quelli di profitto.

Mariella Radici_403030

 

Gli italiani sono sempre più attenti alla dieta. Stando a quanto emerge da un’indagine condotta dall’Osservatorio di Sanità di Unisalute, il 54% di loro vede nelle buone abitudini alimentari il fattore fondamentale per la salute. La rinuncia al ristorante, però, non è più considerata necessaria per preservare uno stile di vita attento: il settore del fuori casa sta sviluppando progetti pensati proprio su queste esigenze.

40 30 30 Healthy Kitchen ha aperto di recente a Milano, in Via Marghera 35, con l’obbiettivo di promuovere uno stile di vita sano ed equilibrato per volersi bene e sentirsi meglio. Dato il successo del progetto con il delivery, Mariella Radici- imprenditrice di Bergamo ed ex sciatrice agonistica- ha deciso di evolversi da ghost kitchen a ristorante, pur mantenendo una formula “snella”: «Avevo già avuto questa idea nel 2015, ma ai tempi Milano non era ancora pronta ad accogliere una proposta simile. Poi il boom delle pokerie ha un po’ cambiato i paradigmi e diffuso il concetto di composizione del piatto».

«40 30 30 significa mangiare corretto, gustoso, colorato – sottolinea Mariella Radici – scegliendo cibi da un’ampia proposta e componendo il proprio pasto in modo bilanciato, secondo gli ingredienti preferiti. Siamo aperti dalle 10 di mattina alle 22 di sera con all day menù, oppure menù lunch o dinner- il tutto è basato sul concetto di alimentazione ispirato alla Dieta Zona, inventata dal noto biochimico Barry Sears, da cui appunto il nome del format: il 40% delle calorie deve provenire da proteine; il 30% da carboidrati e il 30% da grassi».

Particolare attenzione è stata dedicata alla sostenibilità in tutto il progetto: dalla scelta dei materiali (riciclati e/o riciclabili) utilizzati per l’allestimento della location (ideata dallo studio Erker), al packaging compostabile, alla scelta di materie prime di stagione.  40 30 30 è, inoltre, una Società Benefit: integra nel proprio oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, lo scopo di avere un impatto positivo sulle persone e sull’ambiente in generale.

«Questo progetto parla di sostenibilità non solo in termini green. Bisogna lavorare anche in modo sano: nell’accortezza verso le risorse che devono lavorare felici e motivate, nell’offrire una proposta economicamente affrontabile e pertinente con la materia prima. È stato dedicato molto impegno nel dare un’impronta etica a 40 30 30. Non ha senso aprire un’attività healthy se poi non si offre un’esperienza coerente in tutto e per tutto».

40 30 30 è un format già costruito sulla sua replicabilità: «Prima è bene rafforzare l’identità del format e poi dedicarsi all’espansione. I piani di sviluppo prevedono 15 locali spalmati su territorio italiano: sicuramente 5 ristoranti saranno localizzati a Milano, per coprire tutte le zone della città e irradiarsi meglio con il delivery. Bergamo è l’altra città nel mirino, per le mie origini. Sicuramente non ci saranno aperture al di sotto di Roma come latitudine» spiega Mariella.

Condividi l’articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Autore

© Tutti i diritti riservati