Il-Clan-Dei-Ristoratori-Banner
Prevenzione assicurativa

Finanza personale: l’importanza della pianificazione (assicurativa)

Dopo aver individuato l’interlocutore che più ha capito le nostre reali esigenze di risparmiatori ed investitori, è necessario mettere a terra le idee, trasformandole in “progetti di vita”.

Prevenzione assicurativa_locali

 

Ognuno di noi potrebbe avere necessità differenti nel gestire o nel formare un proprio capitale, è fondamentale però indirizzare il proprio risparmio verso obiettivi tangibili e soprattutto cercare nel tempo di non distruggerli con scelte avventate ed istintive.

Alcuni esempi potrebbero essere:

L’acquisto di una prima casa, di un immobile commerciale, garantire ai figli un percorso di studi adeguato dopo la scuola dell’obbligo, costruire un capitale capace di garantire un buon tenore di vita anche alla fine dell’attività lavorativa, o, nel caso di patrimoni importanti, semplicemente cercare di accrescerlo nel tempo.

Un grave errore, e questo punto è fondamentale, è cercare di utilizzare il proprio risparmio od il proprio capitale per fini “auto assicurativi”. Gli imprevisti della vita, non si scongiurano con l’utilizzo della liquidità di conto corrente, ma con apposite coperture assicurative. Risulta quindi molto saggio, prima ancora di investire, garantirsi adeguate indennità contro quegli eventi che malauguratamente potrebbero cambiare il verso della nostra vita.

Ecco tre esempi con relativa polizza imprescindibile a copertura:

Invalidità permanente da infortunio o malattia: Dobbiamo pensare che siamo portatori di reddito, cioè siamo la pianta che produce il frutto; se questa pianta si ammala o si spezza, questo reddito non viene più prodotto, quindi, a maggior ragione se ci sono famigliari a carico, è molto importante detenere una polizza che copra questi eventi nefasti, possibilmente con capitali assicurati elevati. Ipotizzando un reddito annuo di 50.000€ lordi il “capitale assicurato” dovrebbe essere circa 20 volte per ogni oggetto (infortunio o malattia). Per contenere il prezzo della polizza un trucchetto potrebbe essere quello di assicurare solo i grandi eventi, cioè quelli che cambiano il corso della vita veramente, od agire sulle franchigie (cioè su quella parte dell’eventuale indennizzo che la compagnia non pagherà, più alte sono le franchigie minore sarà il costo della polizza).

Temporanea Caso Morte: questa polizza è molto semplice, garantisce un capitale agli eredi nel qual caso una persona venga a mancare per qualsiasi causa. Più il capitale assicurato è elevato e più i miei congiunti avranno sicurezza economica al venir meno della mia persona. Polizza irrinunciabile soprattutto in caso sussistano posizioni debitorie quali fidi, mutui, prestiti, finanziamenti.

Assicurazione Medica o Mutua: sappiamo benissimo che nonostante il livello di qualità della sanità in Italia sia adeguato, capita spesso di dover ricorrere al proprio capitale per dover sopperire a spese riguardanti la salute. Esistono coperture assicurative che possono rispondere a queste esigenze, e, negli ultimi anni, si stanno affermando anche le società di mutuo soccorso che spesso forniscono il medesimo servizio ma a costi un po’ inferiori e senza l’incognita di vedersi rifiutare la copertura. Gli   oggetti degli indennizzi vanno dalla semplice prestazione diagnostica ai grandi interventi chirurgici e sono estendibili di solito all’intero nucleo famigliare.

Prima quindi di affrontare una pianificazione finanziaria, meglio preoccuparsi di avere le difese necessarie per andare in contro ai casi sfortunati della vita.

Condividi l’articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Autore

© Tutti i diritti riservati