Il-Clan-Dei-Ristoratori-Banner

GourmX: il tool per la digitalizzazione dell’offerta

La trasformazione digitale è un percorso inevitabile per chi voglia fare business oggi. Anche per il settore della ristorazione, che in passato si è dimostrato refrattario al cambiamento, è diventato un tema centrale; ed è proprio a questa necessità che GourmX intende sopperire.

 

La start-up ha l’obiettivo di agevolare il ristoratore nella digitalizzazione della propria offerta, in modo semplice e immediato. «Per Gourmx abbiamo studiato una soluzione di utilizzo che potesse essere il più semplice possibile, ma che garantisse al tempo stesso di comunicare tutte le informazioni necessarie in modo efficace. Questo è stato fattibile anche grazie ai feedback dei ristoratori», spiega il CEO Inti Merino Rimini.

Questo tool permette infatti di aggiornare tutte le proprie piattaforme social e web in modo organico e simultaneo; il tutto senza dover accedere ad ogni singola piattaforma, ma grazie a un sistema di sincronizzazione dei contenuti, fornito appunto da GourmX.

«Il nostro lavoro parte dal piatto, sul quale costruiamo l’esperienza descrittiva tipica dello storytelling unicale. Il ristoratore carica le proprie foto, video o descrizioni del piatto, e questi contenuti vengono trascinati all’interno di un menù; questo è modificabile dal ristoratore in base alla stagionalità e all’offerta. All’interno del nostro tool, e quindi in un unico posto, l’offerta viene poi rimandata in modo organico su tutti i canali social e digital, con il vantaggio, da parte del ristoratore, di non dover intervenire ogni volta su ogni singola piattaforma» prosegue il CEO.

Lo sorytelling del piatto

Quando si parla di storytelling che parte dal piatto, si intende la possibilità di creare collegamenti a informazioni che possono essere di grande interesse per il consumatore finale. Si può infatti scegliere di informare su quali fornitori vengono scelti e perché, o sulla sostenibilità delle materie prime adoperate. Volendo si può anche dare la possibilità di acquistare quelle stesse materie prime sul marketplace del ristorante o del produttore, aprendo così a opportunità di ricavi aggiuntivi.

Tutta questa logica di costruzione dell’offerta digitale è realizzabile in modo estremamente semplice grazie a GourmX.

Il focus sulla sostenibilità

Dare informazioni riguardo ai prodotti scelti e alle politiche di sostenibilità adottate è inoltre estremamente importante. La Fipe ha stimato infatti che più del 70% degli utenti vogliono ricevere informative su tutto ciò che il ristoratore mette in atto in termini di sostenibilità, come potrebbe essere per esempio un approccio zero waste o plastic free.
Se la sostenibilità non è solo di facciata, deve essere tracciabile, essere resa concreta da numeriche e certificazioni. Questo tipo di comunicazione è fondamentale per la ripresa di un business, o per rimanere rilevanti nel panorama della ristorazione.
GourmX da al ristoratore la possibilità di mappare tutte le certificazioni già esistenti, insieme a tutte le singole iniziative che vengono adottate, e di presentarle in una dimensione ESG.
L’acronimo ESG sta per Environmental, Social, Governance si utilizza in ambito economico-finanziario per indicare tutte quelle attività legate all’investimento responsabile.

Il tool integrativo si chiama SustainabilEAT, e unisce le logiche del bilancio di sostenibilità con la tracciabilità di filiera. Il suo scopo è dotare i ristoratori di una tecnologia abilitante e ready-to-use, che possa digitalmente validare le best practices di sostenibilità.

Abbiamo chiesto a Inti Merino Rimini il perché della scelta di integrare delle funzionalità specifiche per la comunicazione della sostenibilità nel pacchetto host di GourmX. Ci ha così spiegato che: «mentre ci stavamo domandando come potessimo agevolare il ristoratore nel dare al cliente questo tipo di informativa, e quale fosse il modo più semplice e intuitivo possibile, ci siamo resi conto che in realtà coadiuvare tutta questa quantità di dati all’interno del nostro tool poteva essere uno strumento molto efficace e una risposta immediata da dare al ristoratore. Quindi il percorso è stato naturale, ed è lo spontaneo progredire dell’evoluzione tecnologica. Quando digitalizzi l’offerta devi per forza di cose dare anche una rappresentazione della sostenibilità.»

Mappatura degli utenti e esperienza personalizzata

Come sappiamo, i social funzionano da canalizzatori, e possono essere usati per aumentare il traffico sul sito; quest’ultimo è una vetrina che permette di proporre un’offerta più completa e organica, rispetto a un singolo post. Affidandosi a GourmX, per il ristoratore sarà possibile fare una mappatura degli utenti che navigano sul sito, in modo da poter offrire proposte mirate, anche in base agli interessi generali del bacino di utenza. È quindi una digitalizzazione interattiva, che permette di conoscere a fondo la propria community, e di fare operazioni commerciali puntuali.

GourmX è in fase di pre-lancio, e quindi di ottimizzazione, in divenire anche grazie alle collaborazioni e ai confronti costanti con professionisti e accademici. Il lancio sul mercato è previsto per il primo bimestre del 2022.

Condividi l’articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Autore
Matilde Ungaretti

Matilde Ungaretti

Antropologa e trend forecaster, con un background nel design. Dopo aver conseguito il diploma di fashion design presso il Polimoda di Firenze, e dopo alcuni anni di esperienza nel settore, si avvicina al mondo dei trend. Nel 2018 consegue la laurea in Antropologia culturale, e nel 2021 partecipa alla Trend and Foresight Academy Masterclass di The Future Laboratory. Scrive per diverse piattaforme, e si occupa di lifestyle, sostenibilità e trend. Osservatrice per natura, è sempre alla ricerca di nuove prospettive e nuove chiavi di lettura che le permettano di indagare il mondo e le sue dinamiche. Questo l’ha portata ad avvicinarsi al mondo della ristorazione, e ai trend legati ai consumi fuori casa e alle prospettive future del settore; diventa così Contributor per RistoBusiness Now in ambito scenari.

© Tutti i diritti riservati